Eventi

/

Il 29 Gennaio 2017, la nostra Casa Maternità ha compiuto un 1 anno.

/

Abbiamo assistito in totale 30 nascite programmate a casa nel corso del 2016.


I trasferimenti sono stati 5 di cui:
1 per rialzo pressorio a 38 settimane
1 per Mancato impegno della parte presentata
1 per PROM superiore a 24h e richiesta dei genitori
1 per Oligoamnios a 41 settimane e tachicardia fetale
1 per distocia dinamica
tutte le donne trasferite erano al loro primo figlio, 4 di loro hanno partorito per via vaginale (3 induzioni, 2 epidurali) in un caso è stato necessario un Taglio Cesareo.
Per quanto riguarda le complicanze abbiamo avuto 2 emorragie post partum trattate a domicilio senza ulteriore morbilità materna, 2 distocie di spalla trattate a domicilio senza morbilità materna o neonatale.
8 donne hanno partorito in acqua.
7 sono stati i Lotus integrali, in tutti i casi il cordone del neonato non è mai stato tagliato prima di due ore dalla nascita.
Abbiamo eseguito 8 suture, per lacerazioni di primo o secondo grado, su 25  parti a domicilio e nessuna episiotomia.
Stanno tutti bene.

/

La casa maternità è un luogo sociale, un luogo di incontro in cui le persone possono sentirsi accolte e a casa.
Chi sceglie di partorire in casa maternità, cerca un luogo accogliente, intimo e domestico che sente sicuro, più di casa propria. Cerca un’assistenza personalizzata e professionale, un parto indisturbato e senza interventi inutili di routine, l’uso dell’acqua e dei metodi di analgesia naturali, la non separazione tra madre, padre e neonato, un avvio precoce dell’allattamento, il non taglio del cordone ombelicale. Cerca ascolto, attenzione e libertà per le proprie scelte.
Siamo in una zona di Roma ben collegata con servizi e ospedali, possiamo come ostetriche aiutare i genitori a  richiedere il rimborso parziale delle spese per il parto in casa e in casa maternità, avendo i requisiti richiesti nel D.C.A. n. U00395 del 23 dicembre 2016.