Eventi

/

Quante volte ho sentito questa frase, negli anni di lavoro con le madri durante il puerperio: "avrò abbastanza latte?" oppure:"non voglio per un mio bisogno far morire di fame mio figlio" ... e le donne già dalla gravidanza che esprimono i loro desideri sul riuscire ad allattare, "se sarò fortunata ad avere latte!"

Timori e remore scaturiti da un messaggio sociale tramandato negli ultimi 40 anni in cui la maternità e le cure del neonato non sono più un affare di donne e madri esperte ma di bilance, grafici, curve di crescita e chi più ne ha più ne metta. Tanti dubbi sulle proprie competenze di madre prima di tutto ma anche di donna mammifero, che può concepire, può portare a termine una gravidanza, può partorire e poi però potrebbe non avere latte... possibile che madre natura ci abbia fatto uno scherzo del genere? Si è possibile quando durante la gravidanza non si ricevono informazioni corrette e aggiornate riguardo la fisiologia della lattazione umana, possibile quando durante la gravidanza si assumono farmaci che interferiscono con il delicato equilibrio immunoneuroendocrino materno-fetale senza un'indicazione seria, possibile quando durante il parto si usino farmaci e possibile quando immediatamente o nelle ore successive il parto, il bambino viene separato dalla madre.

/

In collaborazione con SEAO Rise siamo liete di presentare un incontro per sole ostetriche con Ava Oiknin: sessuologa clinica e psicologa di coppia.

Ava è  responsabile del progetto Fun Party per la Francia, attraverso il quale Fun Factory parla alle donne e alle coppie in maniera giocosa e divertente di sessualità e scoperta di sé.

Come ostetriche pensiamo che sia importante essere preparate e poter consigliare le donne anche sui vari aspetti della sessualità e sulle novità in merito per cui ci siamo rese disponibili ad ospitare questo incontro anche a Roma. 

Vi aspettiamo numerose il 30 novembre alle 16 presso Zoè Casa Maternità.

L'incontro durera' circa due ore e prevede anche una merenda.

Gratuito con tessera associativa, la tessera si puo' fare anche il giorno stesso.

E' necessaria la prenotazione al numero 0666031290 oppure via mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

/

indagine DOXAIn Italia generalmente quando una donna scopre di essere incinta sa che deve andare subito dal "suo" ginecologo per farsi seguire e farsi dire cosa fare durante quei fatidici nove mesi.

Ma perchè recarsi da un medico quando sappiamo da sempre, e ce lo ha anche ricordato l'OMS già nel 1985, per ribadirlo anche di recente, che "la gravidanza non e' una malattia"?

Perchè non farsi seguire da un'ostetrica?

Molte di noi non sanno nemmeno che questa è una possibilità.

Infatti il modello di assistenza alla gravidanza è passato negli ultimi secoli, in particolare nell'ultimo, da quello che vedeva l'ostetrica accanto alla donna in tutte le fasi della sua vita fertile, a quello che vede la donna seguita dal medico anche quando è sana come un pesce.

/

Chi è il bambino?

Quali domande porta in sè?

Come porgiamo ascolto alle novità che il bambino ci porta?

Quali individualità vuole mostrarsi fin dalla nascita?

Come condiziona l'ambiete in cui crescono oggi i bambini?

Come aiutare i bambini che non riescono a dormire?

Quando il cibo diventa un problema?

Come dare ascolto ai suoi bisogni?

Qual è la giusta modalità di porsi di fronte ad un capriccio?

Quali sono le sue paure a 2-5-9 anni e oltre?

Come apprende un bambino?